La Bassanese La Bassanese
x
x
Giovedì 24 Maggio 2018 ore 14:45
Richiesta Libro x x Cerca Libro
Categorie Libri x Confezione regalo Cartoleria
Ricerca personalizzata


Indietro
  

Titolo: L'ultima notte di Antonio Canova
Autore: Gabriele Dadati
Editrice: Baldini Castoldi
Pagine: 256
Prezzo: 18,00
Prenota il libro
Regala
"Napoleone Bonaparte (1769-1821) e Antonio Canova (1757-1822) sono stati i protagonisti assoluti, nei rispettivi ambiti, di almeno due decenni tra Sette e Ottocento: il primo è stato un condottiero della statura di Alessandro Magno e di Cesare, capace di costruire dal nulla un impero che non ha avuto in seguito eguali; le opere d`arte del secondo sono state contese dalle corti di tutta Europa, ma anche dagli Stati Uniti, dall`Oriente, dall`Africa, come in vita non è mai capitato fino a quel momento a nessun altro artista. Sono stati anche due uomini di grandiosa, abissale solitudine: entrambi orfani di padre fin da piccoli ed entrambi incapaci di esserlo (a Napoleone l`unico figlio legittimo è stato strappato quando aveva meno di 4 anni e non l`ha mai più rivisto; Canova – che pure avrebbe voluto – non è mai riuscito a generare). Rigogliosi e immensi nel loro presente, non hanno ottenuto ciò che più avrebbero desiderato: un seme capace di sopravvivere loro. Canova e Napoleone si avvicinano e confliggono intorno a un nucleo incandescente: Maria Luisa, l`imperatrice bambina, dispensatrice, al contempo, di bontà e cattiveria. E` lei che come un pendolo segreto si muove tra l`uno e l`altro in quell`ottobre 1810 in cui entrambi erano a Fontainebleau: l`imperatore aveva invitato lo scultore a corte perché ritraesse la sua seconda sposa, cui si era unito per avere un erede e rinsaldare l`alleanza con l`Austria; l`altro invece, uomo pio e tutto italiano, era lì per fare il suo mestiere e proteggere la sua purezza (il suo essere, in fondo, provinciale) dalle seduzioni del potere e della ricchezza. Falliscono entrambi e quelle tre settimane dell`ottobre 1810 sono l`innesco che incendia e distrugge le loro vite: non importa se muoiono rispettivamente undici e dodici anni dopo."
Indietro
  x
x x
 
   
x Incontri Senza Censura Vai x x Vai

x
x