Recensione

Mangia che ti passa

Titolo: Mangia che ti passa

Prenota il libro
Regala

Il cibo ci parla. E ci manda messaggi di salute o malattia. In una vita di 80 anni una persona ingerisce in media dalle 30 alle 60 tonnellate di cibo. È quindi poco prudente sottostimare l’effetto della nutrizione sulla nostra salute. Di fatto, però, questo è ciò che è accaduto negli ultimi cento anni, nel corso dei quali la nostra dieta si è terribilmente impoverita di nutrienti ed è rimasta ricca di una sola cosa: le calorie. Mettereste un carburante inquinato nella vostra macchina? Probabilmente no. Eppure la maggior parte di noi lo fa quotidianamente con il proprio organismo, spesso in modo inconsapevole. La massiccia industrializzazione della produzione alimentare e il consolidarsi di abitudini di vita dannose hanno nettamente peggiorato la qualità della nostra alimentazione, determinando una netta predominanza di cibi raffinati, ricchi di zuccheri e grassi idrogenati e poveri di fibra, vitamine e fitonutrienti. Sul piano scientifico, tuttavia, negli ultimi decenni sono emersi con certezza non solo gli effetti dannosi dell’alimentazione moderna ma anche quelli preventivi e perfino terapeutici dei cibi naturali. Tra le novità più interessanti c’è infatti la comprensione di come le sostanze contenute nei cibi siano in grado di interagire con i nostri geni fino a modulare le risposte cellulari. È questo il campo della nutrigenomica, una disciplina che sta rivoluzionando il modo di considerare il cibo e che ci offre le conoscenze per utilizzare i nutrienti al fine di “riparare” il nostro terreno biologico, impedendo che vi attecchiscano le malattie e favorendo il fiorire della salute. Il dott. Ongaro parteciperà alla Bassanese a Incontri senza tossine il 26/5/11.
Indietro